RUSSIA BEYOND TECHNO PER IL GRAND OPENING DI OUTDOOR 2016

RUSSIA BEYOND TECHNO PER IL GRAND OPENING DI OUTDOOR 2016

Outdoor festival è tornato. Questione di ore e il Grand Opening aprirà le porte alle numerose iniziative che abbiamo in programma per tutto il mese di ottobre.

Internazionalità, contemporaneità ed espressione delle tendenze generazionali sono l’essenza che Outdoor mette in ogni sua proposta. L’edizione 2016 porrà il festival al centro di un dialogo internazionale unico e lo farà attraverso l’arte come attraverso la musica.

Ogni sabato ad Outdoor 2016 sarà ospitato uno show case di festival internazionali partner, diventando, così, il festival dei festival.

Ogni sabato sera potrete scoprire dunque le energie e le atmosfere di 5 città internazionali: da San Pietroburgo (Street Art Museum), a Oslo (Oya Festival),  a Parigi (Paris Hip Hop), fino a Saragozza (Asalto), per poi arrivare a Vienna (Electricspring).

Dunque, la serata inaugurale sarà la prima di una sequela di serate musicali internazionali diverse non solo per i festival partner ma anche per gli stili musicali che proporremo.

Russia, Beyond Techno è la nostra prima tappa e lo Stree Art Museum, fabbrica di plastica ancora parzialmente attiva che ospita, ad oggi, circa 200 opere di street art, sarà il nostro partner.

Così, direttamente da San Pietroburgo vi presentiamo gli artisti musicali che ci faranno andare al di là della scena musicale italiana.

Itsu e Misak sono un duo e la loro musica è un mix di sintetizzatori analogici, percussioni, batterie, sound FX, bassi e grafiche generative. Itsu, lavora a Mosca come sound designer, musicista, attore e direttore. E’ ispirato dalla musica ambient, idm e minimal. Misak è un musicista che progetta installazioni audiovisive, sculture e video art e lavora anche nel campo della cinetica.

Questo sabato saranno ospiti all’apertura del festival proponendo una linea sperimentale in cui l’audio sarà sincronizzato con video e proiezioni. Ospiti dell’opening del festival, apriranno la manifestazione nella nostra sala concerti.

 

Itsu e Misak

Itsu e Misak

Lapti, invece, aprirà la serata nella nostra lab, direttamente dall’incredibile esperienza che lo ha visto suonare per la Boiler Room di Mosca. Bassi e batteria che trasformeranno un vecchio sound in qualcosa di completamente inedito.

Lapti

Lapti

Lipelis è un artista misterioso protagonista dei più noti club underground di Mosca. I suoi set stupiscono sempre passando dal funky alla disco, fino a sonorità più acide.

Lapelis

Lapelis

Per creare un ponte tra le due nazioni, per unire ancor di più le atmosfere italiane e russe, in rappresentanza della nostra città, i nostri amici Beat Soup apriranno la serata nella Lab. A chiudere, infine, il Grand Opening uno dei personaggi più noti del clubbing romano: Joshwa, promettente dj e producer che riesce abilmente a spaziare dalla house alla techno.

Beat Soup

Beat Soup

Joshwa

Joshwa

Manca poco! Vi aspettiamo e…go beyond!

VIRGILIO VILLORESI

VIRGILIO VILLORESI

LE CONFERENZE DEL FESTIVAL: ITALIANISM E IL “DESIGN DELLA PAROLA”

LE CONFERENZE DEL FESTIVAL: ITALIANISM E IL “DESIGN DELLA PAROLA”