CRAIG COSTELLO

CRAIG COSTELLO

Possono delle gocce di vernice su un muro ottenere fama e successo riconosciuti in tutto il mondo? Se la mente dietro questi lavori è il creatore di un marchio rivoluzionario come KRINK sembra proprio di si. Un nome riconosciuto a livello internazionale quello di Craig Costello, in arte KRINK, nato a New York e cresciuto nel Queen durante gli anni '80. L'artista, che tuttora vive e lavora a Brooklyn, è partito da qui per partecipare alla settima edizione di Outdoor Festival. Inizia il suo percorso realizzando graffiti tradizionali e semplici tag ma avverte subito una certa smania nel volersi distinguere, nel voler rompere quelle regole proprie della scena street del periodo facendo qualcosa di diverso, spingendosi in sperimentazioni di stile e materia. Sempre alla ricerca di qualcosa di più rispetto a semplici font e tag, diventati la norma sulla scena dei graffiti, è arrivato ad uno stile proprio sempre più vicino all'astrazione figurativa. Uno stile unico in cui le drop (gocce) occupano lo spazio per comporre opere non figurative ormai riconosciute in tutto il mondo. Non contento delle comuni vernici e spray, Craig Costello ha, poi, inventato una propria miscela per colpire gli occhi e rivoluzionare gli strumenti artistici: nasce così KRINK il suo brand personale di inchiostri e vernici che sta conquistano ormai sempre più mercato globale. Perché come lo stesso artista ha detto "Gli strumenti per creare arte sono essenziali come l'arte stessa". Creativo in più campi, applica il suo estro non solo nella street art: molti suoi lavori, infatti, lo vedono impegnato anche in opere di arte contemporanea e design. 

 

 

LE CONFERENZE DEL FESTIVAL: ITALIANISM E IL “DESIGN DELLA PAROLA”

LE CONFERENZE DEL FESTIVAL: ITALIANISM E IL “DESIGN DELLA PAROLA”

YOU ARE YOUR ONLY LIMIT, GO BEYOND!

YOU ARE YOUR ONLY LIMIT, GO BEYOND!