IL PADIGLIONE DELLO IED DI ROMA PER OUTDOOR 2016

IL PADIGLIONE DELLO IED DI ROMA PER OUTDOOR 2016

Waves è la spinta ad andare oltre, Waves è la forza motrice che invita lo spettatore ad incamminarsi verso nuove dimensioni, è la metafora del dinamismo e del cambiamento, dell’energia e dell’operosità.

 

Le onde sono il simbolo di un qualcosa che travolge e che muove verso “l’oltre”, sono la corrente del mare che può essere limite o scoperta. Ed è proprio questa l’allegoria a cui si è ispirato Waves, il progetto d’arte realizzato dalle scuole IED di Roma per Outdoor 2016.

 

Per questa settima edizione di Outdoor, l’Istituto Europeo di Design di Roma diventa content partner del festival, realizzando un’opera all’insegna del tema curatoriale della manifestazione: Beyond, l’andare oltre qualsiasi tipo di limite per raccontare una nuova dimensione culturale, globale e metropolitana.

 

Dare spazio alle pulsioni urbane è nell’anima di Outdoor. Siamo, perciò, lieti di dare voce anche alle giovani promesse artistiche che abitano la città.

 

Il padiglione 14 dell’Ex Caserma Guido Reni ospiterà, così, Waves, un’installazione site specific che interpreta il concetto di “oltre” come onda creativa, tecnologica ed espressiva con contaminazioni fra memorie letterarie, espressioni digitali, paesaggi sonori e forze materiche.

 

Le due grandi sale che compongono lo spazio dedicato a quest’intervento accoglieranno i progetti degli studenti della scuola di Arti Visive, Cinema e New Media, Design e Moda.

Padiglione 14- Picture of Outdoor Festival 2015

Padiglione 14- Picture of Outdoor Festival 2015

Padiglione 14- Picture of Outdoor Festival 2015

Padiglione 14- Picture of Outdoor Festival 2015

Padiglione 14- Picture of Outdoor Festival 2015

Padiglione 14- Picture of Outdoor Festival 2015

Ma entriamo più nel dettaglio.

Sergio Porcarelli è uno studente del corso triennale di Fotografia dello IED di Roma e, all’interno del padiglione, organizzerà una mostra fotografica. Una serie di ritratti giganteschi di uomini e donne compongono la sua esposizione. Volti schiacciati contro una superficie trasparente e immateriale, che congela una metaforica onda d’urto in un’atmosfera liquida, impalpabile e metaforica. Il tutto, senza far ricorso ai trucchi della post produzione fotografica. Ecco una prima parte di Waves.

Sergio Porcarelli, corso triennale fotografia, IED Roma

Sergio Porcarelli, corso triennale fotografia, IED Roma

“Floating Wave” è invece ciò che è stato realizzato dagli studenti di Interaction Design. Questa è un’installazione realizzata in collaborazione di Quiet Ensemble, il collettivo romano che dal 2009 sviluppa opere contaminate di modalità espressive differenti con particolare attenzione al rapporto tra tecnologia e natura. Un’installazione che consiste in un’onda sospesa e organica che cambia forma, spinta dalla forza del vento e dell’interazione gravitazionale. Illuminazioni stroboscopiche impressionano i visitatori sia con immagini statiche che con quelle dinamiche, permettendo di ammirare i dettagli delle forme in modi sempre nuovi.

Quiet Ensemble

Quiet Ensemble

Quiet Ensemble

Quiet Ensemble

Il corso di Interior Design dello IED propone, infine, un progetto ispirato all’opera Oceano mare di Alessandro Baricco, ricreando uno spazio scenografico composto di stanze modificate e integrate con arredi recuperati dalle rimanenze dell’Ex Caserma. Metteranno, così, in scena la locanda e il mare, metafora del confrontarsi con un’onda di ricordi, memorie, suggestioni.

Fotografie, allestimenti e installazioni porteranno un’onda di giovane creatività ad Outdoor Festival 2016.

QUIET ENSEMBLE

QUIET ENSEMBLE

VIRGILIO VILLORESI

VIRGILIO VILLORESI