OUTDOOR 2018: CAPITOLO I

OUTDOOR 2018: CAPITOLO I

Sabato 14 aprile, ore 18.30. Il sipario si è aperto, Outdoor Festival 2018 è iniziato!

La celebrazione del Patrimonio ha avuto inizio e noi vogliamo ringraziare i tantissimi di voi che hanno reso questo fine settimana così speciale.

“Heritage?” sarà difficile riassumere il suo primo weekend, perché sono tante le iniziative e i contenuti che ha ospitato. Vogliamo provarci però, per cui ecco un breve racconto del primo capitolo di Outdoor 2018, per chi l’ha visto e per chi non c’era...

 Ph. Alberto Blasetti

Ph. Alberto Blasetti

L’arte! L’immancabile protagonista di Outdoor Festival è accolta dall’intero padiglione 9B del Mattatoio di Testaccio. Nella sua mostra, che accoglie celebri nomi internazionali, racconta il Patrimonio attraverso quattro percorsi.

Lo fa snodandosi in un labirinto artistico in cui è piacevole perdersi: tra opere, installazioni, artisti internazionali ed elementi ludici. Se non l’aveste ancora visitata, digitate sui social il nostro hashtag e date un’occhiata alle foto che tanti di voi hanno scattato al suo interno...

 Ph. Alberto Blasetti

Ph. Alberto Blasetti

A pochi metri di distanza, il padiglione 9A ci sorprende con un susseguirsi di contenuti: la prima tappa è l’installazione realizzata dallo IED di Roma, la seconda è un omaggio alla libertà di espressione. Basta rivolgersi al desk e richiedere la propria bomboletta per poter liberare la creatività lasciando il proprio segno sulle pareti.

Superata l’esplosione di colori dell’ “Express Yourself Zone”, la nostra partnership con Google dà la parola alle periferie romane: progetti fotografici, interviste e video a 360 sono pronti ad essere fruiti attraverso tablet, visori e proiezioni. Potrete così esplorare il Corviale, Toprignattara e Ostia… alla scoperta di quel patrimonio a volte dimenticato.

 Ph. Alberto Blasetti

Ph. Alberto Blasetti

E se questa passeggiata vi avesse fatto venir sete, basterà recarsi in Pelanda: qui tra bar e qualche sdraio potrete prendervi il vostro momento di relax, magari gustando un drink e curiosando tra i banchi degli artigiani ospitati da Wave Market Fair.

La piacevolissima collaborazione con questa realtà romana, porta nel festival un intero padiglione dedicato allo shopping, alla musica e allo stare insieme. Ma c’è di più: perché se voleste coltivare l’artigiano che è in voi, basterà prenotarsi ad uno dei workshop che ospiteremo durante la manifestazione. Per questi non c’è nessun limite d’età, potrete trovarli sia per grandi che per piccini.

Le conferenze, poi, affronteranno alcuni interessanti temi (se non aveste ancora visto il programma, vale la pena cliccare qui!), mentre il nostro spazio dedicato alla Televisione proietterà i più importanti programmi transmessi dalla RAI, pezzi di storia che hanno contribuito a formare la nostra società contemporanea.

 Ph. Alberto Blasetti

Ph. Alberto Blasetti

Nel frattempo cala la notte e il luogo verso cui dirigersi è il Temple of Sound, un temporary club in cui musica e arte si sono fusi in insieme per vivere uno spettacolo unico. Sotto un cielo di forme luminose per un’esperienza immersiva mai vista a Roma. Date un’occhiata al nostro programma e prendete nota degli artisti che esibiranno.

 Ph. Alberto Blasetti

Ph. Alberto Blasetti

Dunque, prendete tutti questi contenuti e moltiplicateli per altri quattro weekend. Ci vediamo venerdì? Poi non dite che non ve l’avevamo detto...

MOTOREFISICO

MOTOREFISICO

OUTDOOR FESTIVAL OSPITA WAVE MARKET FAIR

OUTDOOR FESTIVAL OSPITA WAVE MARKET FAIR